Haydn: Orfeo ed Euridice by EnsembleGram

 

 

 

 


Joseph Haydn

Orfeo et Euridicel’Anima del Filosofo

Conductor: Richard Bonynge

Ensemble XXI 
Musical Director: Lygia O’Riordan

Maria Strove Children’s Capella "Kvartettilaulajat" Men’s Choir
Conductor: Ensti Pohjola
Euridice, Ludmilla Shilova - soprano
Orfeo, Nikolai Doroshkin - tenor
Creonte, Yuri Sarafanov - baritone
Capitano, Valery Plankin - baritone
Genio, Irina Abmanskaya - soprano
Pluto
Alexander Prokhorov - bass

Synopsis and Libretto

Act I, Scene 1 
The first scene in Haydn's Orpheo and Euridice opens with Euridice fleeing from her father's palace. King Creonte has decided to give her hand in marriage to Prince Arideo. She sings of her desperation  ("Sventurata, che fo?")
Immediately after this we have the first use of the choir commenting in the manner of the Greek tragedies. It warns Euridice not to proceed into the forest as she will perish at the hands of terrible creatures who dwell there. The choir warns her that she should flee before they kill her ("Ferma il piede") Euridice challenges the creatures, demanding to know what they want of her ("Che chiedete da me?") In her aria ("Filomena abbandonata") she sings of her sorrow. At the end of the aria she proceeds in to the savage creatures territory. They seize her. Orpheo, son of Apollo and Calliope, arrives at this moment and with his beautiful singing and playing he calms the terrible creatures and rescues Euridice ("Che miro, oh dio ").  The choir comments again, expressing its joy at Euridice's rescue in a rousing chorus praising harmony ("O poter dell'armonia"). 

Act I, Scene 2
King Creonte is anxious about his daughter ("Ah chi sa dirmi"). A messenger arrives to tell him of all that has happened to Euridice and of how Orpheo rescued her from mortal danger. King Creonte reflects that he has given his word to Prince Arideo that Euridice would be his wife but that fate has frustrated his will. In the aria  " Il pensier stà negli oggetti " he sings of man's powerlessness to rule his own destiny. Following this Orpheo and Euridice arrive ("Padre ! Signor, Sorgete.... ") to announce their love for each other. Creonte gives them his permission and blessing to marry. He departs and they sing of the love for each other in a beautiful duet ("Come il foco allo splendore"), which ends the First Act.

Act I, Scenes 1 and 2
The choir of 'Amorini divini' singing to Orpheo and Euridice who are now married ("Finché circola il vigore"). Orpheo and Euridice declare their love for each other ("Adorata consorte...") and join the choir in its singing. Suddenly there is a commotion in the distance. Orpheo leaves to find out what it is ("Numi, che ascolta").

Act  II, Scene 3 
At this moment a messenger from Prince Arideo arrives abduct Euridice and take her to Prince Arideo ("Ecco signor! La Principessa è sola") Euridice tries to flee and in the course of doing so steps on a snake which bites her to the horror of the messenger. She lies dying and asks for Orpheo ("Dov'è l' amato bene ?"). There follows the wonderfully beautiful Cavatina as she lies dying ("Del mio core").. Euridice dies.

Act II, Scene 4
Orpheo rushes back to find Euridice ("Dov'è quell'alma audace?")  and is stunned to find her dead. There follows his heartrending aria ("In un mar d'acerbe pene") in which he sings of the pain of losing Euridice. Creonte is grief stricken ("Veglia in difesa mia") on hearing of Euridice's death. The second act closes with the rousing war aria  ("Mai non sia nulto") as he mobilises all his forces and with fanfares from the trumpets vows revenge on Arideo for trying to abduct Euridice.

Act III, Scene 1
The Choir, Creonte and Orpheo are mourning Euridice. It begins with the first ("Oh sposo infelice") of the many wonderful choruses to be found in the 3rd and 4th acts. The scene continues with Orpheo's grief-stricken recitative ("Euridice, Euridice") and Creonte's philosophical aria ("Chi spira e non spera") in which he sings that the man who lives without hope in love and joy is better off dying.

Act III, Scene 2
The distraught Orpheo has sought out a Sybil for advice ("Venerata Sibilla"). A Genio (or spirit) appears and in the fiendishly difficult Genio aria ("Al tuo seno fortunato") tells Orpheo that he can see Euridice again if he prepares his heart to be constant and virtuous. Orpheo replies in indignation that the stars would be extinguished, the sun would turn to ice, the night to day and the day to night before the constancy of his love would leave him ("Constanza a me si chiede?"). The Genio leads him to opening of the underworld ("Dovè mi guidi? ") as the chorus sings that justice should be the queen of every mortal's heart  (" La guistiza in cor regina").

Act Four, Scene 1
Orpheo is being led through the underworld accompanied by a chorus of the damned who recount how they must wait a hundred years to cross the river Lethe to the Elysian fields without anyone having mercy on them ("Infelice ombre dolenti"). Orpheo is shocked at what he sees ("Che ascolta, oh Numi"). The Genio tells him not to fear and that Charon, the ferryman of Hades will take them across to the Elysian fields. Despite the Furies  " their locks entwined with writhing snakes" who try to prevent Orpheo and the Genio from landing ("Urli orrendi") Orpheo arrives before Pluto and pleads for mercy for his love  ("Oh Signor"). The chorus sings that today with your tears mercy is victorious ("Trionfi oggi pietà"). Pluto gives his permission for Euridice to leave and tells Orpheo that he will be able to take her back with him to stay under the clear and serene sky  ("O della reggia mia"). Orpheo's happiness knows no bounds. A ballet describing the Elysian fields takes place. Orpheo expresses his feelings of joy and sings that he does not know how he earned this ("Quai dolci e care note ascolto!").
The Genio announces the arrival of Euridice ("Ecco la bella Euridice"). The choir tells Orpheo that his torment is over ("Son finite le tue pene") The Genio warns Orpheo that he must not look at Euridice until they are out of the underworld ("Sovvengati la legge") Euridice arrives looking for Orpheo. She steps in front of him. He cannot resist the temptation to look at her. The Genio reacts with horror. Orpheo has lost Euridice again. She abandons Orpheo telling him that he is lost.

Act  Four, Scene 2
Orpheo's state of grief is terrible. His recitative (accompagnato) is desperate: I have lost for a second time the heart of my heart my soul ("Perduto un'altra volta") In his final aria he bemoans his cruel fate ("Mi sento languire") At the end of the aria a choir of Bacchae arrive and persuade him to join them and forget his sorry, drowning it with love and pleasure ("Vieni, vieni"). Orpheo rejects their offer and telling them what he thinks of them orders them to leave him alone ("Perfide, non turbate di più il mio afflitto core"). They persist however and give him wine, which is poisoned ("Bevi, bevi"). He drinks it and no sooner has he done so then he realises that he has been poisoned and resigns himself to death where there will be no more suffering ("Oimè, che già nel seno mi serpe un rio veleno"). He dies. The Bacchae, remorseless, sing a rousing drinking song  ("Andiamo, amiche, andiamo") and leave for more orgies and merrymaking. A storm however arises on the river Lethe and they a re drowned amidst a final terrifying chorus portraying the storm and the sinking below the waves of the Bacchae.  
copyright © Lygia O'Riordan 1995

Libretto

Act I,  Scene 1

1 Ouverture

2 Recitativo Euridice
Sventurata che fo, dove mi aggiro?
In van cerco involarmi alle mie pene.
Mille foschi pensieri
M'annuvolan la mente ad ogni instante.
E per mia maggior sciagura
il mio povero cor languisce oppresso
Fra le smanie d'amor nell'agonia di morte,
E mai non muore.

3 Coro
Ferma il piede, O principessa!
Nell'orror di queste selve
Più  feroci delle belve,
Troverai gli abitator

Euridice Deh, per pietà! Lasciatemi!

Coro Ferma il piede, O Principessa!

Euridice Per pietà! Lasciatemi!

Coro
Nell'orror di queste selve,
Più feroce delle belve
Troverai gli abitator

Euridice
Deh, per pietà! Lasciatemi!
Non voglio che mestessa campagna
Al mio cordoglio

Coro
Torna alla reggia
Involati al periglio
Che ti sovrasta;
pensa ch'infestar queste piagge,
Mostri in sembiante umano,
alme selvagge.
Vedi costor che scendono dal monte!
Fuggi, ché imbelli noi siamo alla difesa.

4 Recitativo accompagnato, Euridice
Che chiedete da me?
Che mai bramate?
A nuova sacrifizio di andar io non pavento.
Non ha terror la morte,
è facile morir al cor spirante

5 Aria, Euridice
Filomena abbandonata
Sparge all'aure i suoi lamenti
E le note sue dolenti
Mai non trovano pietà
Cosi mesta abbandonata
Spiego al ciel l'affanno mio.
E per me sol cresce, oh Dio!
Del destin la crudeltà

6 Recitativo

Orfeo Che miro,oh dio!

Euridice Adorato mio bene, Idolo mio!

Orfeo Fermatevi,crudeli!

Euridice Ah, difendi il tuo bene!

Orfeo
Cara Euridice! Oh pene!
Recata a me la cetra. Uditemi, infelici
Qual insano furor, qual  mai disumanarvi
a questo segno.
In quel caro sembiante, in quelle vaghe luci
tutti sono dei Numi i pregi accolti ;
e voi volete, oh stolti,al ciel sacrificar l'istesso cielo?
A sì malnato, a cosi vano intento
ponge ragion il freno.

7 Recitativo accompagnato, Orfeo
Rendete a questo seno il core del mio cor, l'anima mia.
Dell' insensate belve l'amoroso desio
domar suole il furor.
Le tigri istesse, di sangue umano ingorde,
ai sospiri d'amor non son mai sorde.

8 Aria, Orfeo
Cara speme! Alme di scoglio!
Chi spiegar può il mio cordoglio?
Cara speme! per Pietà!
Ah, voi fate in un sol punto
Mille morti à me provar.
Euridice! Per pietà!
Cara speme! Euridice
Per pietà del mio tormento
Geme l'onda e freme il vento.
Nelle selve impietosite
Sento l'eco risuonar

9 Recitativo

Euridice
Nume de' miei pensieri,
amato Orfeo! Ben posso dir
che la mia vita sei
se la vita ti deggio e i giorni miei

Orfeo
Se col mio canto
i giorni tuoi salvai
con gli amoroso rai,
co' tuoi dolci sorrisi,
co' cari amplessi tuoi, bella Euridice,
tu rendi appieno l'anima mia felice

10 Coro
O Poter dell'armonia!
La favella degli dei
Ed il nettare tu sei
Dell' afflitta umanità

Act I , Scene 2

11 Recitativo


Creonte Ah! Chi sa dirmi dove mia figlia adorata?
 

Capitano
Dagli imenei dell'odiato Arideo Euridice fuggendo
in tenebrose selve ed incognita piaggia,
ove dimora sol gente selvaggia,
sventurata inoltrossi.
Stavan costor intenti d'innocente donzella
a far sull'altar delle furie orrido scempio
quando opportuno guinse il  cantor divin, l'amico Orfeo.
Co' suoi canori canti in quell' alme impietosite, destò pietade
e ti salvò figlia.

Creonte
Numi, che ascolta!
La mia real promessa ad Arideo
serbare io pur vorrei;
ma'l destino resiste ai voler miei

12 Aria, Creonte
Il pensier sta negli oggetti;
Da lor nasce ogni desio.
Son tiranni i nostri affetti,
E vantiamo libertà.
Così augel talor si crede
Di spiegar all'aure il volo
E'l meschino , avvinto piede,
Serba un laccio e non lo sa.

13 Recitativo

Euridice
Padre!

Orfeo Signor,

Creonte Sorgete.

Euridice Il nostro amor.....

Creonte
Non più ! Congiunge il cielo i cori,
e disunirli a noi non lice.
Le tue amorose brame, i voti tuoi
 

Orfeo
Propizio il ciel secondi,
aventuroso il talamo ti sia.
La tua felicità sarà la mia

Euridice
Le nostre destre, unite saran
finché le stelle spirar , Idolo mio.
L'aure vitali a noi concederrano.

Orfeo
Quanto diletta e cara a me tu sei.
Dirti solo poss'io che senza te
saria sventurata anche in ciel l'anima mia.

14 Duetto , Orfeo, Euridice

Orfeo
Come il foco allo splendore
A te unita è l'alma mia.
Il mio cor dal tuo bel core
mai diviso non sarà

Euridice
se per me tu senti amore
pur ne avvampa l'alma mia.
Il mio cor...........

Orfeo Caro nume sospirato

Euridice Caro sposo, idolo amato.

Orfeo Caro nume sospirato

Orfeo, Euridice
sento il nettare di Giove
Che piovendo in cor mistà.
Cari detti, dolci affetti,
Io t'adoro,mio tesoro.
Né la sorte, né la morte
L'amor mio cangiar potrà

Act II, Scene 1 and 2

15 Coro
Finchè circola il vigore,
Finchè sei nell' età bionda,
Bevi il nettare d'amore
Nella tazza del piacer.
Arrivato il gel degl'anni,
Tazza d'ostico licore
Porgeranno a te gli affanni
Ti daran le furie a ber.......

16 Recitativo

Orfeo
Adorata consorte, s'inganna chi dice
Che beato nel mondo esser non lice:
Che il sole è il solo oggetto
degno del nostro affetto.
Or esso in te, mia vita, raddoppiasi,
chè sono due soli i tuoi bei lumi.
Finchè sei meco, io non invidio i numi.

Euridice
Dolce speranza mia, gli accenti tuoi
sono stille d'ambrosia nel cor mio.
Il tuo labbro amoroso imparadisa il dolce mio desio,
mi rende al sen la sospirata calma,
l'alma in cielo mi pone, il ciel nell'alma.

17 Coro con Duetto, Orfeo, Euridice

Orfeo, Euridice
Amar può l'età canuta,

Quando l'alme amanti sono.
Fido amor mai non si muta,
Quando regna in mezzo al cor.

Coro d'Amorini Arrivato........

Orfeo, Euridice
Dell'acceso mio desio
Dell' affetto ch'ho nel petto
L'onda stessa dell'oblio
Non può spegnere l'ardor

Orfeo Mie luci belle, amiche stelle, che fido amor....

Euridice Dolce sostegno.

Orfeo, Euridice, Amorini Amiche stelle, che fido amor  

18 Recitativo accompagnato, Euridice, Orfeo

Euridice
Numi, che ascolta? Che sarà mai questo strepito ostile,
al nostro amor molesto

Orfeo
Non smarrirti, o cara.
Dell' importun fragore la cagione qual fia conoscer  desio.
Caro mio bene, addio!

Euridice E abbadonar mi vuoi?

Orfeo Del nemico la trama ad esplorar io volo.

Euridice

Che non sia lento al ritorno.
Sola ed imbelle son costretta a cozzar
col mio periglio senza soccorso, oh Dio,
senza consiglio!

Act II, Scene 3

19 Recitativo

Il Seguace

Ecco Signor, la Principessa è sola.
E' sicura la preda.

Euridice
Oh Dio, che siete?

Il Seguace
Sai che il tuo genitor ad Arideo

la tua destra promise;
In van fuggir tu cerchi

Euridice
Numi possenti! Aita


Il Seguace
Deh, Vieni!

Euridice
Ahimè


Il Seguace
Che avvenne?

Euridice

Quell'angue che colà strisciar mirate,
mi punse in quest' istante.

Il Seguace
O sventura!

Euridice

Nel sangue io temo che non m'abbia infuso
il suo feroce aspro veleno.
Già sentomi nel core cento palpiti,
e cento amari di terrore ch'assediano il mio core.

20 Recitativo accompagnato, Euridice
Dov'è l'amato bene? Sostenetemi. Oh pene!
Come I flutti di Lete
già l'onda mia vital
lenta si muove.
Ah, mai più sventurata,
non potrò rimirar il mio tesoro!
M'abbandona il respiro; io manco, io moro.

21 Cavatina, Euridice

Del mio core il voto estremo
dello sposo io so, che sia.
Al mio ben l'anima mia
Dona l'ultimo sospir.

Act II, Scene 4


22 Recitativo accompagnato, Orfeo
Dov'è quell' alma audace,
che cerca del mio cor la pace involare,
il mio ben, l'idolo mio?
Euridice, dove sei? Cara Euridice!
Omnipotent dei ! Che miro? Amata sposa!
Ah, non rispondi. Oh dio!
Quell'adorato volto che rendere solea
ebbro il mio cor di gioia e di contento,
or divenuto oggetto è di spavento.
Delle vaghe pupille l'amorose faville,
oh! dove sono?
I dolci sorrisetti e i cari baci?
Tutto estintò è per me. Barbara sorte!

23 Aria, Orfeo
In un mar d'acerbe pene
Son frà turbini e tempeste.
Ho perduto il caro bene,
E mai più  non troverò
Sposa amata, ah, ch'io deliro!
Questi son lugubri avanzi, spoglie infauste,
Ch'io rimiro.
La consorte io più non ho.
D'ogni gioia e d'ogni incanto
Del mio sol io sia privo.
La mia cetra è volta in pianto,
Mà piangendo indarno io vo'.

24 Recitativo, Creonte

Veglia in difesa mia quest'acciaro
e in un sol colpo ben saprà
del superbo e reo nemico,
s'egli non è più saggio,
punir l'orgoglio e vendicar l'oltraggio.

25 Aria, Creonte

Mai non sia inulto.
Fulmina e tuona, tuona e fulmina,
Cinta d'alloro la spada irata.
Vista scolpito che non perdona
L'onte nemiche, l'offeso onor.
Alla vendeta!
S'odan le trombe de' miei campiogni
destar lo sdegno,
Per ogni dove l'eco rimbombe
Del mio guerriero giusto furor.

CD II


Act III , Scene 1


1 Coro, Vergini
Ah, sposo infelice!
Perduto hai per sempre
La cara Euridice, il core del tuo cor.

Uomini,

La cetra, che tanto amica del riso,
Rivolta s'è in pianto,
E flebile ognor.

Vergini

Un nubile velo le grazie nasconde
Son sparse di gelo le rose d'amor.

Uomini

Son chiuse le belle pupille amorose.

Vergini
Ah sposo infelice...

Uomini Asceso alle stelle è  il loro splendor.

2 Recitativo, Orfeo
Euridice, Euridice, in van ti chiama il tuo sposo infelice.
O voi, canori augelli , d'amore il son ferito
feroci belve, o fiumi, o fonti, meco tutti piangete; fate tutti
delle note dolente eco pietoso, e faccia
ogni sasso, ogni scoglio rimbombar alle stelle il mio cordoglio.

3 Coro

Ah sposo infelice.....
 
4 Aria, Creonte

Chi spira e non spera
D'amar e gioire,
E'meglio morire che viver cosi.
Raddopia i suoi sensi, gli incanti del core,
in grembo d'amore
Chi passa i suoi di.

Act III, Scene 2


5 Recitativo

Orfeo

Venerata Sibilla, dov'e la sposa, Euridice,l'anima mia?

Genio

Se rimirar tu vuoi la tua consorte ,
segui con alma forte i  passi miei ai tenebrosi abissi.
La rivedrai, se moderar il tuo desir saprai

6 Aria
, Genio *
Al tuo seno fortunato
Stringerai l'amato bene,
Se tu serbi'l core armato
Di costanza e di valor.
Chi creò la terra e'l cielo,
tutto vede e tutto regge,
Ma l'adombra un sacro velo,
Cui non lice penetrar.

7
Recitativo, Orfeo
Costanza a me si chiede? Ah, pria che l'amorosa
mia costanza, che'l mio ardor m'abbandoni
si spegneran le stelle, diverran il sol di gelo,
le tenebre splendenti, oscura il cielo!
No, non pavento l'Eumenidi spietate,
il pianto eterno, la rota, il sasso, il vorator, l'averno.

8 Coro
La giustiza in cor regina,
O mortale, ognor ti sia.
Ti sovvenga una divina
Sola essenza di adorar.

9
Recitativo


Orfeo Dove mi guidi?


Genio

Vieni, vieni, non paventar. Del sacro alloro
se non cingi la fronte, a te non lice di riveder
la tua cara Euridice.
Coro da capo

Act IV, Scene 1


10
Coro

Infelice ombre dolenti, cento lustri varcar
dobbiamo, meste e pallide e laguenti, senza mai trovar pietà.

11
Recitativo

Orfeo

Che ascolto, oh numi!
Queste son le voci funeste di spiriti sventurati,
a cui non lice per cento anni varcar il cieco blio.
Ma sieguimi; Caronte nella barca fatale,
dell' acerbo destino anche a dispetto, a noi darà ricetto.

12
Coro di Furie
Urli orrendi, disperati,
qui si sente ogni momento,
e rimbombi di spavento,
che radoppiano il penar.
Fremon gli orsi, ei fier leoni rugghian;
fischiano i serpenti e accompagnano i lamenti
ed il nostro lagrimar
Terremoti, orrendi tuoni
nella rea magion del pianto sono il canto
che suol l'alma tormentar.

13
Recitativo, Orfeo
Oh Signor, che all'ombre imperi, il tuo core
intenerito da quel foco a te gradito,
dell' amor senta pietà.

14 Coro
Trionfi oggi pietà ne' campi inferni,
e sia la gloria e il vanto
delle lagrime tue,
del tuo bel canto.

15 R
ecitativo, Pluto, Orfeo, Genio

O della reggia mia ministri eterni, scorgete
voi per entro all'aer scuro l'amator fido alla
sua donna amante.
Scendi, gentil amante,scendi lieto sicuro entro le nostre soglie;
e  la diletta moglie teco rimane al ciel sereno e puro.

Orfeo O fortunati miei dolci sospiri!


Genio
O ben versati pianti!

Orfeo O me felice sovra gli altri amanti!


16
Baletto  

17
Recitativo

Orfeo

Quai dolci e care note ascolto! O dei del cielo,
o sommo Giove, ond' è cotanta grazia e tanto dono?

Genio

Ecco la bella tua cara Euridice; a te sen vien
per renderti felice.

18
Coro
Son finite le tue pene; ma se miri la tua sposa,
penderai l'amato bene, non farai che sospirar.

19 Recitativo

Genio

Sovvengati la legge, frena I desiri tuoi,
se la cara Euridice aver tu vuoi.

Euridice

Dov'èl dolce amato sposo, la soava mia speranza?
Anche in ciel non ho riposo, se mi priva del suo amor.

Orfeo

O sempiterni dei! Pur veggio i tuoi bei lumi
a'l tuo volto, e par ch'anco non creda agli occhi miei!

Euridice

Dunque mortal valor cotanto impetra.

Orfeo

dell'alto don fu degno mio dolce canto
e'l suon di questa cetra.

Genio

Oimè, che veggo, oh numi! Giunto è il momento reo.
Tu sei perduto, Io t'abbandono, Orfeo.

Act IV, Scene 2


20 Recitativo, Orfeo
Perduto un'altra volta
ho'l core del mio cor, l'anima mia.
Ah, di me che mai fia!
Non mi veggo d'intorno che nembi di spavento.
In un istante tornata è la magion del pianto eterno.
Ho nel mio cor l'inferno.

21 Aria, Orfeo
Mi sento languire,
Morire mi sento;
E il fiero tormento
Crescendo già va.
O stelle spietate,
Fieri astri tiranni!
Perchè tanti affani,
Perchè si gran crudeltà?

22 Coro di Baccanti
Vieni,Vieni, amato Orfeo.
Qui dolente star iu vuoi?
Deh, consacra i giorni tuoi
All' amore ed al piacer.

23 Recitativo, Orfeo
Perfide, non turbate di più  il mio afflitto core.
Io riunzio all'amore e ai piacer de'mortali,
al vostro sesso imbelle.

24
Coro con Recitativo accompagnato, Orfeo, Coro di Bacchanti

Bevi, bevi in questa tazza,
Bevi il nettare d'amore.
Ti darà questo licore ogni gran felicità.

Orfeo

Oimè, che già nel seno mi serpe un rio veleno!
Sento mancar la vita. Il ciel s'oscura.
Finirà con la morte ogni sciagura.

Coro di Baccanti

Morto è il tracio cantore.

25 Coro di Bacchanti
Andiamo, amiche, andiamo,
D'insolito furore s'accende il nostro cor.
L'isola del diletto si apra a noi davanti;
Ivi cerchiam ricetto,
E non abbiam timor.

26 Coro
Oh che orrore!
Oh che spavento!
Oh che fulmini!
Oh che tuoni!
Cento furie in sen mi sento;
Siam vicine a naufragar.